Comune di
Rifreddo
Comune di
Rifreddo
Comune di
Rifreddo  Provincia di Cuneo
Il comune su
Stai navigando in : Le News
   Le News
Il Consiglio comunale chiede al Parlamento di farsi carico dei costi imposti dalle Leggi dello Stato

Il Consiglio comunale rifreddese ha approvato nei giorni scorsi un ordine del giorno contro l'aumento dei costi per i comuni dovuti alle Leggi dello Stato. Più in dettaglio gli amministratori del piccolo comune della Valle Po vogliono sensibilizzare il Parlamento nazionale sul fatto che spesso e volentieri le norme che lo stesso approva hanno delle ricadute sui bilanci degli enti locali e per questa via anche sulle tasche dei cittadini. "Purtroppo - ha spiegato il primo cittadino Cesare Cavallo - in questi anni abbiamo assistito da parte del Parlamento e dei vari Governi che si sono succeduti ad una duplice manovra nei confronti degli enti locali ed in particolare dei comuni. Infatti da un lato sono stati tagliati pesantemente i traferimenti erariali ai nostri paesi e, dall'altro, li si è caricati di un sacco di nuove attività da svolgere senza prevedere quasi nessuna risorsa per questi nuovi compiti. Rendendo più semplice in ragionamento lo Stato ha spesso fatto bella figura lasciando poi ad altri il lavoro da svolgere. Per esempio una nuova legge ha stabilito, in alcuni casi, la possibilità di separazione tra conuigi  in Comune, un altra la possibilità di fare presso gli uffici comunali l'atto per la vendita degli autoveicoli, ultimamente si è deciso di dare la possibilità di depositare in comune la volontà sui trattamenti sanitari in caso di incapacità: il cosidetto "testamento biologico". Tutte norme utili e condivisibili ma che i Comuni hanno dovuto svolgere impiegando il loro personale e le loro strutture senza avere praticamente nulla in cambio. Non parliamo poi delle circolari sulla sicurezza dove con una Legge si sono aumentati i costi delle manifestazioni più piccole all'inverosimile, della nuova contabilità economico-patrimoniale che tra programmi informatici a riclassificazioni si è mangiata sicuramente l'asfaltatura di qualche strada, oppure dell'aver trasformato i comuni in esattori delle tasse per conto di Roma con l'Imu. Tre capolavori cui si potrebbero aggiungere parecchi altri casi che non sto qui ad elencare ma che ci fanno dire che così non si puó più continuare e che quando lo Stato fa una norma deve prevedere anche la copertura dei costi che questa puó generare per gli altri enti." Per queste ragioni il Consiglio rifreddese chiede alla Comera dei Deputati al Senato della Repubblica ed al Governo di "inserire in tutte le Leggi e gli atti dello Sato una norma che preveda la copertura dei costi andranno a gravare sugli enti locali in virtù dei provvedimenti dallo stesso emanati". Una richiesta che non si sa se troverà risposta ma che sicuramente solleva un problema di rapporti tra le varie componenti dello Stato e che a Rifreddo si augurano possa almeno smuovere qualcosa come è avvenuto con le ripetute prese di posizione sulle circolari Gabrielli. 

        
Effettua il login
              
Oppure registrati
Comune di Rifreddo
Via V. Emanuele II, 1 - 12030 (CN)
Tel: 0175.260022
Fax: 0175.490387
Email: info@comune.rifreddo.cn.it
Partita IVA: 00487200040
Email: info@comune.rifreddo.cn.it
Per conoscere gli indirizzi Email di settore,
consultare la pagina UFFICI
Fatturazione Elettronica - Codice Ufficio: UF32WA
Codice ISTAT: 004181
Codice catastale: H285
Codice fiscale: 85000390048
Partita IVA: 00487200040
Conto Corrente Postale: 10057123
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 73 Q 03111 46700 000000017540
» Privacy » Note legali » Credits » Accessibilità

Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)    Licenza Creative Commons      eng fra esp deu ru chi ara

Realizzato con il CMS per siti accessibili e responsive cic

eng fra esp deu
ru chi ara por
Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)     Licenza Creative Commons

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento