Comune di
Rifreddo
Comune di
Rifreddo
Comune di
Rifreddo  Provincia di Cuneo
Il comune su
Stai navigando in : Le News
   Le News
Imu sui terreni agricoli montani: Rifreddo scrive a Renzi e al Parlamento. Con le nuove norme maggiori tasse per i cittadini e minori introiti per i Comuni

Sono sempre più insistenti le voci di un imminente uscita di un decreto del Ministero dell’Economia che andrebbe a modificare l’esenzione Imu sui terreni agricoli delle zone montane. Una normativa che si basa su una legge emanata dal Governo Renzi in estate e che rischia di penalizzare fortemente i proprietari dei terreni nei comuni situati tra i 200 ed i 600 metri di altitudine. Infatti in base all’ipotesi fatte circolare del Ministero in queste aree per chi non appartiene al settore agricolo si pagherebbe addirittura l’intero importo dell’Imu. Soldi che oltretutto non rimarrebbero nemmeno sul territorio ma andrebbero, attraverso un meccanismo di riduzione dei trasferimenti statali, nelle casse romane. Una situazione che ha destato più di una preoccupazione tra gli amministratori dei comuni montani e che ha spinto la Giunta di Rifreddo ad approvare un ordine del giorno contro questa norma ed a rivolgersi direttamente al Presidente del Consiglio ed al Parlamento. "L’idea di tassare ulteriormente un territorio già piuttosto debole come la montagna - ci spiega il primo cittadino Cesare Cavallo - è davvero insopportabile e rischia di tradursi in un ancora maggiore abbandono dei terreni agricoli e di conseguenza di aumentare i rischi di dissesto idrogeologico. Infatti bisognerebbe ricordarsi, qualche volta, quanto l’opera di manutenzione del territorio contribuisca a mantenere vivibili intere zone che altrimenti sarebbero abbandonate e che è solo grazie alla pulizia e la cura dei terreni se tutto il piccolo un sistema di reticoli idrici continua a funzionare e ci preserva in caso di copiose precipitazioni. Pensare poi di far pagare l’Imu ad una persona che magari ha ereditato un terreno che non è ne irrigabile ne raggiungibile con mezzi meccanici è un’idea che si commenta da sola e che da la cifra di come a Roma pur di far tornare i conti dello Stato si cerchi di spremere ogni contribuente fino all’accesso. Che dire poi del fatto che ai Comuni sul sito della finanza locale è già pubblicata una pagine con i trasferimenti ridotti di quanto i cittadini dovrebbero pagare a titolo di Imu sui terreni di cui sopra. Un altro bell’esempio di rispetto per gli anti locali e per i cittadini. Infatti lo Stato, infischiandosene del principio della non retroattività delle norme fiscali, al 30 novembre decide che entro 16 giorni i residenti dei comuni montani devono pagare l’Imu sui terreni per l’anno già strascorso ed allo stesso tempo pubblica sui siti statali finanziari di riferimento dei comuni il fatto che ha ridotto i trasferimenti di pari importo mettendo così a rischio gli equilibri di bilancio di questi ultimi. Preso atto della situazione abbiamo così deciso di scrivere ai massimi organi dello Stato mostrargli tutta la nostra contrarietà sulla questione per provare a tutelare il nostro territorio ed i nostri concittadini

        
Effettua il login
              
Oppure registrati
Comune di Rifreddo
Via V. Emanuele II, 1 - 12030 (CN)
Tel: 0175.260022
Fax: 0175.490387
Email: info@comune.rifreddo.cn.it
Partita IVA: 00487200040
Email: info@comune.rifreddo.cn.it
Per conoscere gli indirizzi Email di settore,
consultare la pagina UFFICI
Fatturazione Elettronica - Codice Ufficio: UF32WA
Codice ISTAT: 004181
Codice catastale: H285
Codice fiscale: 85000390048
Partita IVA: 00487200040
Conto Corrente Postale: 10057123
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 73 Q 03111 46700 000000017540
» Privacy » Note legali » Credits » Accessibilità

Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)    Licenza Creative Commons      eng fra esp deu ru chi ara

Realizzato con il CMS per siti accessibili e responsive cic

eng fra esp deu
ru chi ara por
Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)     Licenza Creative Commons

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento