Comune di
Rifreddo
Comune di
Rifreddo
Comune di
Rifreddo  Provincia di Cuneo
Il comune su
Stai navigando in : Le News
   Le News
Tassa rifiuti: nel nostro comune niente Tares. Il Consiglio approva il ritorno alla TARSU con le aliquote 2012

Ieri sera il Consiglio comunale rifreddese ha deliberato che la tanto temuta nuova tassa sui rifiuti (TARES) non sia applicata sul proprio territorio. Al suo posto torna in vigore la TARSU con le stesse aliquote dell’anno 2012. L’Amministrazione comunale di Rifreddo è una delle prime realtà italiane che ha deciso di avvalersi della facoltà di applicare per il corrente anno ancora la vecchia imposta. "Appena abbiamo saputo - spiega il primo cittadino Cesare Cavallo - che la conversione in legge del decreto 102/2013 prevedeva la possibilità di ritornare al vecchio tributo ci siamo immediatamente messi a lavorare sull’elaborazione di un ruolo della stessa in modo da portare in Consiglio una proposta di deliberazione che ci consentisse di evitare il passaggio alla Tares". La possibilità di ritorno al passato non è, infatti, ne automatica ne completa. Più in dettaglio la norma impone al Comune di effettuare il cambio di rotta con una delibera consigliare e comunque di aggiunge alle tariffe dello scorso anno una quota in favore dello Stato. Un fatto che come spiega ancora il Sindaco comporterà comunque un aumento della tassazione anche se non le sperequazioni e i rincari esagerati della Tares. "Lo Stato - aggiunge Cavallo - è sempre più a caccia di soldi ed ha ormai preso l’abitudine di istituire nuove tasse salvo poi farle esigere dai Comuni per non perdere completamente la faccia (vedasi il caso Imu). Nella fattispecie concreta si è inventato la contribuzione aggiuntiva di 0,30 centesimi per ogni metro quadro di superficie abitativa delle nostre case. Soldi verranno richiesti dal Comune con la classica bolletta ma che poi, attraverso gli F24, andranno direttamente nella casse romane. Un aumento di tassazione che certo non ci fa piacere ma a cui, se non ci fosse stata la possibilità di ritornare alla vecchia tariffa e la nostra decisione di ritornare alla Tarsu, se ne sarebbero aggiunti altri che uniti ad una nuova penalizzante distribuzione del carico del tributo avrebbero portato ed una situazione davvero insostenibile. Dalle proiezioni che avevamo fatto vi erano, infatti, attività e famiglie con bollette in aumento del 300-400 per cento rispetto agli anni scorsi. Un fatto che, in una situazione già economicamente piuttosto difficile, avrebbe rischiato di mettere alla corde più di un soggetto e che grazie al nostro intervento siamo riusciti ad eliminare". Il ritorno al passato prosegue ora con la redazione del ruolo e la stampa dei bollettini che nei prossimi giorni verranno recapitati ai contribuenti in modo che possano espletare con calma il pagamento della prima rata entro il termine del 16 dicembre. Per evitare di costringere i cittadini a troppi versamenti l’assemblea comunale, infatti, fatto coincidere la prima rata del tributo con i termini per il versamento della quota statale mentre per la seconda rata ha scelto il 28 febbraio 2014.
        
Effettua il login
              
Oppure registrati
Comune di Rifreddo
Via V. Emanuele II, 1 - 12030 (CN)
Tel: 0175.260022
Fax: 0175.490387
Email: info@comune.rifreddo.cn.it
Partita IVA: 00487200040
Email: info@comune.rifreddo.cn.it
Per conoscere gli indirizzi Email di settore,
consultare la pagina UFFICI
Fatturazione Elettronica - Codice Ufficio: UF32WA
Codice ISTAT: 004181
Codice catastale: H285
Codice fiscale: 85000390048
Partita IVA: 00487200040
Conto Corrente Postale: 10057123
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 73 Q 03111 46700 000000017540
» Privacy » Note legali » Credits » Accessibilità

Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)    Licenza Creative Commons      eng fra esp deu ru chi ara

Realizzato con il CMS per siti accessibili e responsive cic

eng fra esp deu
ru chi ara por
Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)     Licenza Creative Commons

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento